invia/condividi stampa feed rss

Titolo

È uno strumento introdotto dal Governo, e reso operativo dall’Autorità per l’energia con la collaborazione dei comuni, per garantire alle famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose un risparmio sulla spesa per l’energia elettrica.

Il bonus elettrico è previsto anche per i casi di disagio fisico, cioè per i casi in cui una grave malattia costringa all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.

CHI HA DIRITTO

Tutti i clienti domestici, intestatari di un contratto di fornitura elettrica, per la sola abitazione di residenza, con potenza impegnata fino a 3kw (per un numero di famigliari con la stessa residenza fino a 4) o fino a 4,5kw (per un numero di famigliari con la stessa residenza superiore a 4)

Il nucleo famigliare deve avere un indicatore ISEE non superiore a 7.500 euro. Per i nuclei famigliari con 4 o più figli a carico l’indicatore ISEE non deve essere superiore a 20.000 euro

Non vi sono limitazioni di residenza e di potenza impegnata per i clienti domestici presso i quali viva un malato grave che debba usare macchine elettromedicali per il mantenimento in vita.

Per richiedere il bonus occorre compilare l’apposita modulistica e consegnarla in Comune.

DURATA

Il Bonus è valido per 12 mesi. Entro due mesi dalla scadenza di tale termine annuale sarà necessario inoltrare una richiesta di rinnovo, anche per evidenziare eventuali variazioni della situazione famigliare o dell’ISEE nel frattempo intervenute.

Per i malati gravi, che necessitano di apparecchiature elettriche salvavita, il bonus sarà attivo senza interruzione e senza necessità di domande annuali di rinnovo; ciò fino a quando sussista la necessità di utilizzare tali apparecchiature.

Modulistica